Buona Pasqua

La nostra Pasqua, quest’anno è con la febbre! Perché è così: i bambini si ammalano il venerdì sera – a volte il sabato – oppure durante le vacanze!

Ma è solo un po’ di febbre. E va bene.
Mi prendo un secondo per fare a tutti gli auguri.
Anzi: un augurio.

Il mio augurio per questa Pasqua di Resurrezione è la Gioia.
Quella profonda, quella vera.
Quella fatta delle cose più piccole e preziose.
Quella gioia che a volte è fatica, ma non per questo vale meno.

Una gioia che rimanga nei nostri cuori nonostante tutto e tutti.
Una gioia che profumi di gratitudine.

Perché la vita – qui – è una.
Ed è un dono.

Buona Pasqua!
E mi raccomando: sotto con la cioccolata!!! Oggi o mai più ;)

A chiacchiera con Desideria

A Bologna, fino a domani, c’è il Bologna Children’s Book Fair: una “città dei libri”, tutta per i più piccini.
Allora: partiamo!
E già che ci siamo, allunghiamo un po’ e facciamo tappa a Milano per due chiacchiere con Desideria Guicciardini, fiorentina – emigrata. Classe 1954. Illustratrice di libri per bambini. È un’emozione per me intervistarla. Ho trascorso ore – con i miei bimbi – a leggere la “sua” “La Tempesta”, (adattamento di Alba Meo, edito da Lapis Edizioni). Sono emozionata perché lei disegna per i “miei” bimbi. E mentre io leggo le parole, loro leggono le sue immagini.

Fiorentina di dove, Desideria? Sono vissuta in via Ghibellina. A Firenze ho trascorso uno dei periodi più belli della mia vita. Ho frequentato le elementari alla Matteotti – una scuola sperimentale. Milano è stata uno stravolgimento: ho vissuto la sensazione dell’emigrante per anni.

Come nasce un’illustratrice?  Sono arrivata all’illustrazione perché amo le parole. E quando si sente il colore delle parole, allora vien voglia di illustrarle. La passione è nata proprio qui a Firenze in casa della nonna. Abitava in San Niccolò e aveva una raccolta di libri illustrati tra il 1905 e il 1906. Casa sua era il sogno di ogni bambino e io passavo ore a sfogliare i suoi preziosissimi libri. C’erano lavori di Edmund Dulac, le fiabe di Handersen, un’edizione di “Peter Pan” illustrata da Arthur Rackham. Li conservo ancora  tutti.

C’è qualcosa della nostra città che ti porti, in quello che fai? La bellezza di Firenze, di cui mi son riempita gli occhi da bambina. Se vivi a Firenze ti abitui alla bellezza, coì tanto che quasi non te ne accorgi. Finché non cambi città….. E poi a Firenze c’è il valore aggiunto delle cose antiche.

Come nasce un albo illustrato? Bisogna suggerire senza condizionare e senza tradire il testo. Perché i bambini sono “lettori” attentissimi. Ad ogni particolare!! E poi c’è il piacere – ancora bambino – di leggere una storia, lo sguardo di stupore e meraviglia sul mondo. Questo rimarrà sempre.

Il tuo lavoro preferito? Forse quello più “di cuore” è “Il papà pittore” (di Pinin Carpi, un cartonato edito da Piemme). Perché è con lui che ho cominciato a lavorare. E poi l’ultimo: Margherita a piedi nudi “( Emanuela Nava, Editore Lo Stampatello).

Sei illustratrice di libri per bambini, ma sei anche mamma! “Bimbi” ormai grandi! Che son stati fortissimi lettori: i libri loro se li mangiavano, nel vero senso della parola. Io che ero abituata a trattare i libri come cose “sacre” ho dovuto impormi di non dir nulla. E così li hanno strappati, disegnati, ciucciati… Li hanno fatti loro! I miei disegni invece non li hanno mai guardati. Perché il tempo trascorso a disegnare era tempo sottratto a loro. I miei disegni erano i loro antagonisti.

Ebook per bambini: sì o no? No agli e book, perché il bambino dovrebbe avere un contatto fisico con il libro. Sì, invece, alle App, che sono qualcosa d’altro rispetto al libro.

Da Bologna arriveranno nuovi titoli, nuovi nomi di scrittori e illustratori: tutto per bambini. Stiamo sintonizzati. E andiamo in libreria: sfogliamo, annusiamo, leggiamo. E scegliamo pensando ai nostri piccini. Poi: spengiamo tv, computer, tablet…. È l’ora della fiaba!

Leggi il post anche su www.tuttafirenze.it

A tavola. A colori

Torno dalla mensa dell’asilo. Sono stata a fare il mio dovere di Membro della Commissione mensa del Comune: mangiare a scuola!

E rifletto.
Non sul risotto ma sul valore immenso dei bambini.
Non sull’hamburger ma sulla responsabilità che ha una maestra. Che si prende in carico una parte così  importante della crescita di tanti bambini.

Son arrivata all’asilo che ero un po’ grigia. Come questa giornata: grigia e piovosa.
Sono entrata in sala mensa con la testa piena di pensieri.
Mi son seduta, ma non ho fatto in tempo a finir di pensare a “quanto sono scomode queste sedie così piccine”, perché i miei compagni di pranzo mi hanno salutata con cinque sorrisi meravigliosi.
Sorrisi e sguardi incuriositi, complici. Colorati.
E due di questi sorrisi erano specialissimi.
Erano due sorrisi emozionati. Di Pietro e Tommaso.

Tutti i pensieri grigi piano piano se ne sono andati. Dovevo pensare al gatto di Elena – che aveva il naso graffiato. Ai cugini di Giulia – che stanno arrivando dall’Africa……
Sono uscita da scuola a panza piena.
E decisamente più colorata di quanto non fossi prima.
Neppure la pioggia che mi son presa tornando a casa in motorino ha potuto scolorirmi.

Buon martedì a tutti!!!!

L’Ateneo per la Città della Scienza di Napoli

È l’apertura straordinaria della “Specola” – sezione di Zoologia del Museo di Storia Naturale dell’Ateneo, sabato, dalle 20 alle 24, per una raccolta fondi in favore della ricostruzione della Città della Scienza di Napoli, distrutto da un incendio poche settimane fa.

È un’occasione speciale, da non perdere. La serata è ad ingresso libero, con la possibilità di lasciare un’offerta. Il personale del Museo presterà servizio in forma volontaria e gratuita e consegnerà direttamente ai colleghi napoletani il ricavato della serata di solidarietà.

La “Specola” è in via Romana, 17.

Ed eccoci al FAI. Anche con i bambini

Sabato e domenica, oltre a tutti gli appuntamenti che vi ho segnalato qui, c’è la XXI giornata Fai di Primavera, due giorni speciali, in cui sarà possibile visitare 700 luoghi meravigliosi in tutta Italia. Anche a Firenze.

Cosa e dove?! È tutto scritto qui.

Il museo Marino Marini, che è all’interno dell’edificio di piazza San Pancrazio e conserva 182 opere dell’artista: sculture, dipinti, disegni e incisioni realizzati tra il 1916 e il 1977.

Il Giardino di Villa Bardini: le fontane, le grotte, il tempietto. E poi la scalinata barocca con il belvedere che si affaccia sulla nostra meravigliosa città. Il giardino è visitabile sabato e domenica dalle 10 alle 17.

Sabato, dalle 10 alle 16.30 e poi domenica, dalle 10 alle 13.30 in piazza San Pancrazio è aperta anche la Cappella Rucellai con il Tempietto del Santo Sepolcro di Leon Battista Alberti. Per l’ingresso è necessario essere iscritti al Fai – iscrizioni sul posto.

Villa La Quiete alle Montalve – in Via di Boldrone 2, zona Castello – sarà aperta sabato e domenica dalle 10 alle 16.30. Anche in questo caso è richiesta l’iscrizione al Fai. La visita guidata sarà a cura degli studenti universitari e sarà possibile accedere anche alla “Spezieria”.

Vicino a Villa La Quiete ci sono la Villa e il giardino Corsini – in via della Petraia 38. Marmi, reperti etruschi, architettura barocca, affreschi e un giardino davvero grazioso.

Palazzo Portinai Salviati sarà visitabile sabato, dalle 10 alle 16.30 con visite guidate ogni mezz’ora a cura dell’Associazione Culturale Città Nascosta. Nel palazzo: affreschi con favole e allegorie mitologiche  che raccontando con grande vivacità le gesta di eroi e personaggi dai nomi altisonanti: Ulisse ed Ercole e Marco Curzio. Io dico che i bambini potrebbero restare a bocca aperta.

L’Istituto di Scienze Militari Aereonautiche – in Viale dell’Aeronautica, 14 – rimane aperto sabato e domenica dalle 10 alle 17. La visita deve essere prenotata e a guidare le visite saranno i ragazzi del Liceo Classico e Scientifico “Giulio Douhet”.

E poi, lui: il Museo Stibbert – in via Stibbert 26, zona via Vittorio Emanuele II. Questo è imperdibile – specialmente per i bambini! È un sogno ad occhi aperti: armi e armature, cavalli e cavalieri, lance ed elmetti…… Il museo sarà aperto dalle 10 alle 17 del sabato e della domenica).

Non c’è che l’imbarazzo della scelta….. E come sempre: buon fine settimana a tutti!!

Il 23 e il 24 Marzo. A Firenze

Questo fine settimana è strapieno!! Sarà la Primavera che fa sbocciare iniziative ed eventi?! E questi non sono solo “under”…… C’è qualcosa anche “da grandi”.
Pronti?!?! Via!

Per la serie, palco e sottopalco:
A Sesto Fiorentino, al circolo Arci di Colonnata, sabato alle 17 ci sono i Pupi di Stac con “Giovannin senza paura”. Ingresso unico 5 euro.

Sempre sabato, alle 15.30 e alle 17, al Teatrino del Gallo c’è “L’osso” un racconto divertente della tradizione senegalese del cantastorie Amadou Kumba. Spettacolo di ombre cinesi, divertente per tutte le età. Domenica sempre alle 15.30 e alle 17 c’è “Nella vecchia fattoria”, spettacolo completamente nuovo che ci fa vivere una vicenda fantastica. Entriamo tutti in un mondo fatto di animali parlanti, ma soprattutto di suoni e musica, di vicende degli abitanti di una fattoria molto speciale. Per bambini dai 3 ai 10 anni. Prenotazioni allo 055 2658324.

 Per la serie, di tutt’un po’:
Il Centro Commerciale di Novoli festeggia, sabato dalle 10 alle 24 con tante proposte per i bambini: i carri mascherati e il trenino di Pinocchio, il calcio balilla umano – ohiohiiii. Danza, musica, ginnastica, acrobati circensi. E poi loro: i gonfiabili!!! Con il truccabambini, le pannocchie, lo zucchero filato. E il gruppo dell’ACR  di Santa Maria Ausiliatrice si occuperà dell’animazione dei bambini.
Sabato al Giardino di via Maragliano, prima festa organizzata dall’associazione “Giardino di San Jacopino onlus” che ha avuto in gestione dal comune il giardino. La giornata è piena di appuntamenti, io vi segnalo quelli del pomeriggio: dalle 15 alle 19, animazioni con “Ingegneria del Buon Sollazzo”, bolle di sapone con Sandro Pucci e attività di ripristino del verde da fare con bambini e ragazzi. Info al  329 6132777.

Da domenica – e fino al 1° aprile, alle Cascine c’è  il Torneo Internazionale Giovanile “Città di Firenze”, appuntamento con i migliori tennisti under 18 da 28 paesi. Perché ve lo segnalo tra gli eventi per bambini?! Perché secondo me vale la pena! I bimbi sono curiosi, lo sport è importantissimo. Ecco detto!

E poi un altro appuntamento – non per soli bambini –  che secondo me vale! Sabato, in occasione dell’iniziativa promossa dal Wwf  “l’Ora della Terra”, anche Firenze si spegnerà per un’ora, dalle 20.30 alle 21.30. In Piazza della Signoria, dalle 19 in poi – meteo permettendo – con i telescopi e il binocolo di Arcetri sarà possibile osservare la Luna, le stelle e i pianeti. E per tutti i presenti ci saranno dei “portacandela” da accendere allo scoccare delle 20.30. Magari  per qualche piccirullo potrebbe essere l’occasione buona per vincere la paura del buio.

Per piccoli cinefili, Sabato alle 16, all’ SMS Rifredi 1883 un cineforum per bambini dai 3 ai 9 anni ad ingresso gratuito. Questa settimana appuntamento con “Mucche alla riscossa “. Info allo 055 4220504.

Per la serie, laboratoriamo:
Alla Ludoteca La Carrozza di Hans, sabato alle 10.30, per “Il Sabato si racconta”  lettura della storia “Mi mangio la luna” a cura del nido Arcobaleno. La Carrozza di Hans è in via Canova 170/b. Info allo 055 7877734 
oppure carrozzadihans@comune.fi.it

Sabato alle 15.30 l’Associazione Allibratori onlus presenta “Apriti sede”: uno spudorato e appassionato richiamo alla primavera. Puliremo a fondo spostando mobili, mettendoci i nostri abiti migliori per mostrare a chi voglia passare dalla nostra sede i laboratori, i corsi e le nostre attività in generali. Ci sarà una gusto a merenda e molte molte storie… Appuntamento in Via Lorenzo Viani 72-74 Firenze.

Alla Bottega dei Ragazzi di piazza Santissima Annunziata, proseguono le attività per le famiglie, con tanti laboratori gratuiti. Sabato alle 16 è la volta del laboratorio “Gli innocenti e la Cupola”, per bambini dai 6 ai 11 anni accompagnati da un adulto. Prenotazioni allo 055 2478386 oppure www.labottegadeiragazzi.it

Al Planetario, domenica alle 15 e alle 16 c’è “Leprottino Stellare” , un laboratorio pasqual – planetario dai 6 anni. Costo: 6 euro gli adulti, 5 i bambini. Info e prenotazioni allo 055 2343723 o iscrizioni@fstfirenze.it

Sabato dalle 17, alla Libreria Cuccumeo ci sono i “Libri invisibili” con Blu Sole. Come si costruisce un libro invisibile? E’ facile, bastano forbici, fili, colori adesivi e pagine trasparenti.
Nasceranno libri per vedere oltre e attraverso, per non fermarsi alle apparenze, insomma… libri invisibili. Laboratorio per bambini e bambine dai 5 ai 99 anni! Ingresso 5 euro.

Per la serie bibliotechiamo:
Alla Biblioteca delle Oblate alle 16.30, c’è “Amerigo Vespucci. Dall’Arno all’oceano”, animazione teatrale e letture, in collaborazione con il Museo Galileo. Gli incontri sono rivolti a ragazzi dai 6 ai 12 anni, su prenotazione. Per informazioni e prenotazioni 055 2616 512.

Stesso giorno e orario, alla BiblioteCaNova Isolotto c’è  “1…l23, giochiamo!”, secondo appuntamento del ciclo dedicato ai giochi letterari per bambini e ragazzi, sempre il giorno 23 fino ad aprile! Con le lettere si possono fare tante ricette, basta mescolarle, farle lievitare, spelluzzicarle… e il gioco è fatto! Per bambini dagli 8 ai 10 anni. Info e prenotazioni allo 055 710834.

Alla Biblioteca Ernesto Ragionieri di Sesto Fiorentino c’è la Ludoteca Scientifica. Sabato, dalle 10 alle 12 – 4 turni di 30 minuti – appuntamento con i primi esperimenti scientifici a misura di bambino! Piccole esperienze guidate per stupirsi e imparare giocando con la scienza. Info e prenotazione – obbligatoria – allo 055 4496851.

Per la serie tutti al museo:
Doppio appuntamento questo fine settimana con “Famiglie al Museo”, grandi e piccini, alla scoperta di tesori dell’arte e della storia della città attraverso percorsi tematici tra i capolavori dei musei del Polo.
Sabato, alle 10 e alle 11.30 e domenica alle 10 è la volta del Museo di San Marco  con “La Pasqua nei dipinti dell’Angelico”.
Incontri gratuiti, su prenotazione per bambini e ragazzi dai 7 ai 14 anni accompagnati dai genitori. Info e prenotazioni allo 055 284272 fax 055 2388680 oppure didattica@polomuseale.firenze.it

Ma non finisce qui……. Guardate il prossimo post!